Arroz_con_leche

“El Arroz con leche” (Risolatte o crema di riso) è una ricetta della mia infanzia. Me lo preparava mia mamma per merenda quando abitavamo in Peru e glielo preparava, a sua volta, mia nonna materna in Argentina.

Il profumo del “Arroz con leche” mi ricorda stanze, case, giochi, amici d’infanzia. Era la mia merenda preferita assieme alla crema pasticcera, preparata sempre da mia mamma.

Nel “Arroz con leche” troviamo le proteine vegetali del riso, le proteine animali dal latte, fibre, calcio ed energia. Oltre ad un dolce gustoso che si presta a diverse varianti. Una merenda perfetta, in poche parole. El Arroz con leche è anche un’ottima soluzione di riciclo per riso avanzato.

Oltre al dolce c’è anche la canzone del “Arroz con leche”, che allora cantavo da bambina e oggi canto a mia figlia.

“Arroz con leche
Me quiero casar
Con una señorita
de San Nicolás
Que sepa coser
Que sepa bordar
Que sepa abrir la puerta
para ir a jugar”

(Risolatte, mi voglio sposare, con una fanciulla di San Nicolas, che sappia cucire, che sappia fare l’uncinetto, che sappia aprire la porta per andare a giocare.)

Per me, quindi, si tratta di più di un dolce e sono felice di poter tramettere questa parte di me a Giorgia.

Come si prepara il “Arroz con leche”?

Innanzitutto dovete scegliere il riso giusto. Per preparare el Arroz con leche vi servirà un riso originario tondo.
Io ho scelto il Riso Originario della Grandi Riso, un prodotto apprezzato per le sue caratteristiche: ha granelli piccoli e tondi, perlati e cristallini.
Per questo, è perfetto per la preparazione di minestre, minestroni e, infine, dolci di riso.

Arroz_con_leche

Ingredienti (per circa 8 vasetti)

  • 1 litro di latte intero (o parzialmente scremato)
  • 200gr di riso originario Grandi Riso
  • 125gr di zucchero semolato
  • 2 stecche di cannella e cannella in polvere
  • Scorza di limone bio
  • 25g di burro non salato (facoltativo)

Arroz_con_leche

Preparazione:

Prendete la vostra migliore padella antiaderente dove nulla si attacca. Versatevi il latte con lo zucchero, aggiungete le stecche di cannella e la scorza di limone. Mescolate di tanto in tanto tenendo il fuoco basso.

Il riso

Mentre il latte giunge ad ebollizione, dovete occuparvi del riso. Ci sono tre diverso modi per lavorare il riso in questo caso. il modo che sceglierete condizionerà il risultato.

Prima che il riso diverti Arroz con leche, dovrete lavorarlo in uno di questi tre modi:

  1. Tecnica del “bagno a mollo”: c’è chi lascia il riso in acqua a bagno per 20 – 30 minuti prima di iniziare la ricetta, cambiando l’acqua ogni volta che questa risulti “bianca”.
  2. Tecnica del risciacquo:  c’è chi mette il riso in uno scola pasta e lo lo lascia sotto il rubinetto dell’acqua qualche minuto , finche l’acqua del riso non risulta più bianca.
  3. Tecnica della cottura: c’è chi cuoce il riso come da abitudine con i tempi di cottura indicati dal riso scelto (questa è l’opzione se volete riciclare il riso avanzato), per poi farlo cuocere nuovamente con il latte.

La prime due tecniche permetteranno che il riso disperda il suo amido per un risultato più cremoso del dolce, mentre la tecnica della previa cottura (o del riciclo di riso avanzato) vi darà un risultato più denso, più grumoso.

La scelta sta a voi in base ai vostri gusti!

Dunque, quando il latte inizierà a bollire, andrete ad aggiungere il riso, previamente lavorato e asciugato, nel caso.

Il riso prenderà volume, grazie all’idratazione ricevuta dal latte e, durante la cottura il vostro compito sarà quello di vigilarlo, curarlo e coccolarlo. Soprattutto controllare che non si attacchi al fondo della pentola.

Procedete con a cottura per 40 minuti. Assaggiate il riso, se questo risulterà ancora duro, dovrete cuocere ancora per un po’.  Se occorre, aggiungete del latte.

Il “Arroz con leche” sarà pronto quando il latte sarà stato assorbito del tutto ed il tutto avrà un aspetto cremoso. C’è chi a fine cottura ci aggiunge il burro. Anche qui, questione di gusti.

Togliete le stecche di cannella, la scorza di limone. Aggiungete della cannella in polvere e riempite i vasetti.

Arroz_con_leche

Ci sono anche delle versioni alternative. Al posto della cannella potete mettere del cocco, o della granella di mandorle, oppure potete spolverare il vostro “Arroz con leche” con del cacao in polvere.

Conservate il vostro Arroz con leche in frigo, ma ricordatevi di toglierlo una mezz’oretta prima di consumarlo.

C.


Ti è piaciuta questa ricetta e l’hai preparata? Postala su Instagram con l’hashtag #QUARANTAQUATTROPIATTI !


 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *